Guida completa alle migliori gomme per asfalto bagnato: sicurezza e prestazioni
Dicembre 27, 2023
gomme asfalto bagnato

Secondo una ricerca dell’Università di Tecnica di Dresda il 70% degli incidenti avviene sul bagnato. Per questo motivo è molto importante scegliere con attenzione le migliori gomme per asfalto bagnato. In condizioni di pioggia, infatti, l’aderenza e la trazione diventano ancora più fondamentali.

Nel nostro articolo esploreremo tutte le caratteristiche che devono avere le gomme adatte alle strade bagnate, confrontando diverse marche per capire quale sia la migliore.

Dall’analisi delle mescole, alle innovazioni nel design del battistrada, scopriremo come le gomme possono garantire una guida sicura e affidabile anche nelle condizioni meteorologiche più avverse.

Importanza delle gomme adeguate per l’asfalto bagnato

Per la sicurezza stradale è importante utilizzare sempre gomme adatte per l’asfalto bagnato. Questo perché la presenza di acqua sulla strada può compromettere notevolmente l’aderenza degli pneumatici, aumentando il rischio di incidenti.

Le gomme che vengono realizzate appositamente per condizioni di asfalto bagnato presentano mescole e disegni del battistrada che favoriscono un’aderenza ottimale. Questo si traduce in una maggiore trazione, ma ancora una migliore tenuta di strada.

Allo stesso modo gli pneumatici adeguati a situazioni di bagnato riducono il rischio di aquaplaning, ovvero quell’evento che si verifica quando uno strato d’acqua tra lo pneumatico e la strada impedisce al veicolo di mantenere il contatto con la superficie stradale.

I tasselli e le scanalature presenti su questo tipo di gomme, migliorando la dispersione d’acqua, permettono una frenata più sicura ed efficace, riducendo così la distanza di arresto del veicolo.

Ricordiamo sempre che le gomme adatte all’asfalto bagnato sono molto versatili e offrono prestazioni sicure anche su strade asciutte.

Caratteristiche essenziali delle gomme per asfalto bagnato

Le gomme per l’asfalto bagnato presentano alcune caratteristiche specifiche per permetterti di guidare in totale sicurezza anche nelle condizioni in cui il manto stradale sia stato colpito da un forte acquazzone.

  • Battistrada con scanalature profonde, che permettono di far uscire più velocemente l’acqua da sotto lo pneumatico, migliorando l’aderenza. Inoltre, il battistrada dovrà avere un disegno direzionale, o asimmetrico.
  • Presenza di lamelle e scanalature laterali, che consentono alle gomme di essere più flessibili e aderire meglio al terreno bagnato, migliorando trazione e stabilità.
  • Mescola specifica per condizioni di asfalto bagnato così che le gomme rimangano più morbide, elastiche e aderiscano meglio alla strada anche alle temperature più basse.
  • Battistrada con lamelle tridimensionali per strade invernali bagnate permette una miglior aderenza.
  • Spalle delle gomme rinforzate per offrire una maggiore stabilità in curva e migliorare la risposta dello sterzo su strade bagnate.

Ricorda sempre che da qualche anno è obbligatorio per i produttori di pneumatici inserire sempre l’etichetta europea con indicate tutte le caratteristiche delle gomme, inclusa la trazione su bagnato.

Consigli per la manutenzione delle gomme in condizioni di pioggia

La manutenzione delle gomme è sempre molto importante, ancora di più se si percorrono strade bagnate, o si vive in luoghi dove è frequente la pioggia. Per questo ti consigliamo, prima di tutto, di controllare sempre la pressione delle gomme, inclusa quella di scorta, così da migliorare l’aderenza e la trazione.

Controlla sempre lo stato del battistrada che dovrà essere in buone condizioni. Un battistrada profondo, infatti, favorisce un migliore drenaggio dell’acqua. Esegui, inoltre, periodicamente la rotazione delle gomme così da garantire un’usura uniforme e massimizzare la loro durata.

Un altro consiglio è quello di assicurarti sempre che le gomme siano bilanciate e allineate correttamente. Uno squilibrio può influenzare negativamente la guida, soprattutto su strade bagnate.

Ispeziona, poi, regolarmente gli pneumatici per riscontrare eventuali anomalie, come tagli, bolle o altri danni e, nel caso, sostituisci le gomme danneggiate. È sempre utile assicurarsi che l’assetto e le sospensioni del veicolo siano in buone condizioni: problemi di questo tipo possono rendere meno stabile la guida su strade bagnate.

Seguendo questi semplici consigli potrai mantenere le tue gomme in buone condizioni e migliorarne la sicurezza durante la guida sotto la pioggia.

Normative e sicurezza: cosa dice la legge sulle gomme per asfalto bagnato

Dal 1 Novembre 2012 tutti gli pneumatici venduti nei paesi appartenenti all’Unione Europea devono avere delle specifiche etichette con informazioni chiare sulle caratteristiche delle gomme acquistate, in particolare per quanto riguarda la rumorosità, il consumo di carburante, la frenata e l’aderenza sul bagnato.

Proprio per quanto riguarda l’aderenza sul bagnato possiamo trovare un’etichetta con una scala da A a G in grado di indicare il comportamento della gomma durante la frenata su strade bagnate. La A indica lo spazio più corto di frenata, mentre la F il più lungo.

Gli pneumatici delle classi A,B,C offrono migliori prestazioni rispetto a quelli di classe E o F. La classe G non è nemmeno presa in considerazione, perché pneumatici con questa classe sarebbero pericolosi su strade bagnate.

La differenza tra le classi con aderenza migliore e quelle con aderenza peggiore è di 18 metri. Ricorda che anche pochi metri possono fare la differenza in materia di sicurezza stradale ed è una cosa, quindi, da tenere sempre in considerazione quando si acquistano delle gomme.